CARI AMICI INIZIAMO IL 2011 GARDANDOCI INTORNO

Uno spazio dove raccogliere le emozioni trasformarle in pensieri e condividerli attraverso immagini suoni e colori che nascono dall’infinito spazio che c’è in noi. 
  

UNIVERSO INFINITO

ASTRONOMIA

Lo studio dell’astronomia parte necessariamente dall’analisi di quella immensa cupola che ci sovrasta e che viene chiamata anche cielo, firmamento o più semplicemente volta celeste. Osservarla e saperne esaminare le caratteristiche sono i primi passi da compiere per decifrare ogni singolo aspetto dell’universo.Tutto ciò sembrerebbe comunque un’impresa ardua e riservata solo a coloro che riescono a scandagliare ogni più recondito segreto celeste grazie all’ausilio di costosi strumenti ottici. Ma se questo è vero per gli oggetti del cielo profondo, non lo è altrettanto per iniziare a conoscere i fenomeni ed i corpi celesti più comuni e le relazioni che questi hanno con la nostra vita di tutti i giorni. Basta pensare che gli astronomi dell’antichità riuscirono in questo intento esclusivamente con l’ausilio di un solo strumento: l’occhio.

Il 24 aprile 2005 si è celebrato il 15° anniversario del lancio del telescopio spaziale Hubble. Frutto di un progetto congiunto NASA/ESA, questo osservatorio spaziale ha avuto risonanza enorme sia in termini di produzione scientifica sia presso l’opinione pubblica.
Hubble ha sfruttato le sue esclusive potenzialità scientifiche là dove nessun altro strumento poteva fare altrettanto, inviando immagini sempre molto nitide, dai colori incontaminati, che coprono tutte le regioni dello spettro elettromagnetico, dal vicino infrarosso all’ultravioletto. Si sono così aperti nuovi orizzonti scientifici che hanno portato a scoperte rivoluzionarie.
L’alta qualità delle immagini ha permesso agli astronomi di acquisire informazioni nuove sulla vita di una vasta gamma di oggetti astronomici. Hubble ci ha regalato una panoramica visuale dei processi astrofisici di base che avvengono in questi oggetti, dai pianeti del nostro Sistema Solare alle galassie più remote dell’Universo. Un esempio fra tutti? Alla domanda “che aspetto avevano le prime galassie?”, nel 2004 Hubble ha contribuito a rispondere con la splendida immagine dello ‘Hubble Ultra Deep Field’: la più profonda immagine dell’universo nel visibile che mostra le più vecchie galassie mai viste, formate 13 miliardi di anni fa.
Il documentario presenta tutti gli aspetti del progetto Hubble Space Telescope, da quelli tecnici ai risultati scientifici, un viaggio attraverso la storia, il tormentato avvio e gli straordinari successi scientifici di Hubble. Il video è organizzato in nove capitoli tematici, presentati da Bob Fosbury, scienziato dell’Agenzia Spaziale Europea che si è spesso servito di Hubble per le sue ricerche.
Annunci

Informazioni su melgigi

Professore in pensione
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Una risposta a CARI AMICI INIZIAMO IL 2011 GARDANDOCI INTORNO

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...