. . .ED ORA PARLIAMO DELLA SQUADRA DELLA MIA CITTA’

BARI NON DIMENTICA LA STAGIONE 20132024

OGGI SABATO 7 FEBBRAIO 2015

Tutta la squadra del Bari calcio e lo staff tecnico si sono presentati in conferenza stampa per dare un forte abbraccio e segnale di vicinanza al capitano del Bari Francesco Caputo. Nicola ha voluto anche sottolineare che il gruppo è unito piu che mai e che non vuole più sentire anche per il bene di tutti fischi verso il Capitano.

Immagine

Il Bari e Cassano, insieme per sognare la A

L’attesa cresce, giorni febbrili, Antonio Cassano a breve scioglierà le riserve e tutta Bari finalmente conoscerà il destino di uno dei personaggi più amati e discussi della storia del calcio italiano. Una chiamata che non può certamente lasciare indifferente Cassano, la storia potrebbe ripetersi e chissà insieme scrivere nuove pagine ricche di soddisfazioni e gioie. Un amore che non si è mai interrotto definitivamente, il Bari che continua a cullare il sogno di vedere il S.Nicola stracolmo e inneggiare al simbolo e l’idolo di una città intera, tutto troppo bello per non poter essere attratti da una possibilità tanto suggestiva quanto difficile. Cassano continua ad aspettare la A ma con il passare dei giorni, i tifosi non smettono di credere a un ritorno che fino a qualche tempo fa sembrava impossibile. Da amanti del calcio, tutti ci auguriamo che El Pibe De Bari possa rinunciare a un’altra grande opportunità in A pur di riabbracciare la sua gente. Scelta difficile, Antonio Cassano continua a pensarci ma difficilmente al cuore si comanda… «Rispettiamo le opinioni di chiunque ma non ci fa piacere che il nostro capitano Ciccio Caputo venga additato come un giocatore che non sta facendo la sua parte e abbia chissà quale colpa. Vogliamo salvaguardare la forza di questo gruppo in ognuna delle sue componenti, ecco perché siamo tutti a sostegno di Ciccio che per noi è un giocatore importante e determinante». Queste le parole del tecnico ex Livorno.

07.02.15 – Di Marzio: “Cassano-Bari, problemi di ordine pubblico. Lunedì era fatta
Il Bari attende Antonio Cassano. Ormai non è più una novità, anzi, col passare dei giorni cresce la speranza febbrile dei tifosi. Sarà presto fumata bianca? Il giornalista Gianluca Di Marzio spiega le ragioni dei rallentamenti e detta i possibili scenari.
“Lunedì a pranzo, sembrava davvero tutto fatto o quasi: Paparesta, Antonelli e Bozzo insieme per confezionare un accordo di due anni e mezzo, il San Nicola già tremava. Il via libera definitivo dal telefonino di Antonio non è però mai arrivato, perplessità e valutazioni ancora in corso: questione di categoria certo, perché la serie B non intriga poi tanto, ma anche di “ordine pubblico”. Perché un ritorno a casa ha sempre il suo fascino, da bilanciare con tanti problemi che possono nascere quando giochi nella squadra della tua città, soprattutto dopo essere stato a lungo lontano. I tifosi del Bari stanno spingendo molto su Carolina, la moglie di Antonio, chiedendole di accettare e regalare un assist al marito per dire sì. Eppure non è solo la sua reticenza a incidere nella decisione di Cassano, per il quale pesa ovviamente anche il parere della madre, donna barese dai mille principi e dalle inevitabili paure per la vita quotidiana del figlio. Re nella sua città, con i pro e i contro del caso. A livello di pressioni e serenità”. Riflessioni in corso, dunque, e qualche proposta alternativa (per la verità non troppo allettante) sul tavolo. “Ci penserà ancora su, il pibe di Bari – precisa Di Marzio sul sito di sky – Riflettendo ancora su qualche proposta arrivata dalla Spagna (Real Sociedad) e non particolarmente affascinante, oppure sui ricchi tentativi arabi. Perché negli Emirati lo farebbero sceicco in un baleno, anche se il campionato tutto è tranne che stimolante. E per chi ha sempre vissuto di adrenalina e scosse improvvise, forse non è il massimo. Il tempo scorre e non mette fretta, il termine per firmare in Europa scade a fine febbraio, ci sono ancora circa venti giorni di tempo. L’Inter non ha voluto approfondire, il Torino non conferma idee e pensieri di questo tipo, altre grandi magari aspettano la necessità. Mentre Bari, la prima a tendergli la mano dopo la risoluzione con il Parma, non vuole smettere di sognare e risvegliarsi con il suo Cassa…sì”.
tuttobari.com

Il fantasista è ancora alla ricerca di una squadra ma tentenna ancora sulla possibilità di tornare in biancorosso

Immagine

By Gianluca Sasso -feb 10, 2015

Cassano e il Bari. Un amore sbocciato e deflagrato in una gelida notte di dicembre, quando l’Inter di Vieri e Baggio si dovette inchinare alla compagine biancorossa guidata da Eugenio Fascetti. Fu proprio quel diciassettenne a decidere il match dopo una giocata fantascientifica che aveva ubriacato due difensori di grande spessore quali Laurent Blanc e Christian Panucci. Dopo le gioie con la maglia dei galletti sono state ben poche vista anche la retrocessione inopinata del 2001. Ma dopo quasi quindici anni ecco l’occasione: tornare nella città natale dopo un cammino costellato da Cassanate ed occasioni sprecate in grandi club quali Milan e Real Madrid. Poi la rescissione col Parma e l’occasione è più che ghiotta. L’unica offerta concreta è quella del club di Gianluca Paparesta che farebbe un regalo anche ai tifosi, impazienti di tornare nel calcio che conta dopo anni di umiliazione. “Dipende da lui, ora deve prendere una decisione insieme alla sua famiglia” – ha dichiarato recentemente l’ex arbitro internazionale. Ma Cassano ancora non si decide. Appare chiaro il pensiero del talentuoso attaccante: del Bari non ne vuol sapere, aspetta una chiamata da una squadra ben più prestigiosa. Se non dovesse arrivare, la soluzione del ritorno in Puglia sarebbe praticabile. Ma è un pensiero giusto? Sicuramente no, perché il possibile ritorno nel capoluogo pugliese potrebbe essere un’arma che gli si potrebbe ritorcere contro viste le tante aspettative che i tifosi avrebbero su di lui. E in più accasarsi in un’altra squadra non farebbe altro che accentuare quel sentimento di distacco che diversi baresi hanno nei confronti di un suo fratello che non sempre si è dimostrato così attaccato alla sua città natale. “Alla Samp voglio tornarci, Genova è casa mia” – le parole pronunciate dal fantasista. Parole mai digerite, e allora perché non provare a riconquistare quella gente accettando incondizionatamente l’offerta di Paparesta? Paura di fallire o semplicemente menefreghismo verso la città natale? Se Bari però deve essere l’ultima scelta, è meglio non tornarci.   

LA RESA DEI CONTI IN 4 GIONI

Il Bari, e soprattutto Gianluca Paparesta, sta aspettando la risposta definitiva di Antonio Cassano che pare stia pensando di declinare l’offerta e rinunciare al ritorno nella sua città natale. I motivi alla base della scelta sarebbero quello di un nuovo difficile ambientamento in una realtà che ha abbandonato quand’era poco più che ragazzino. Adesso il fantasista è cresciuto ed ha una famiglia, e proprio quest’ultimo fattore starebbe decidendo il futuro dell’ex calciatore del Parma. I suoi familiari non sono convinti del ritorno a Bari che comporterebbe un passo indietro nella carriera del calciatore. Questa volta non è lui a sfornare assist ma solo Paparesta che gli ha concesso l’unica opportunità di tornare a giocare dopo la rescissione del contratto col Parma. L’ex arbitro internazionale ha già detto che l’offerta è stata presentata e che non dipende dalla società pugliese l’approdo di Cassano al Bari. Ora dipende esclusivamente da lui. Detto ciò però, sebbene Cassano sia un lusso per la serie B, Paparesta non ha più voglia di aspettare molto e ha dato un ultimatum al talentuoso calciatore. Entro domenica si dovrebbe risolvere il dilemma. Cassano tentenna, non è ancora sicuro e propende per il no definitivo. Il presidente biancorosso ci spera ancora, anche per risollevare le sorti del club barese, nettamente in difficoltà nel campionato cadetto. La sensazione è che Cassano difficilmente farà una scelta di cuore e pur di non approdare a Bari, starà fermo fino a giugno. Lui aspetta ancora una chiamata dalla A sebbene tutti i presidenti lo stiano praticamente ignorando. Ancora una scelta discutibile, un’altra cassanata, una nuova opportunità sprecata. L’ennesima della sua tribolata carriera.

ULTIMISSIMA DEL 13 Febbraio 2015

Intervista esclusiva di Antonio Cassano a Sportitalia,il calciatore svincolato dal Parma ha dichiarato di voler amare la citta,che Bari è tutto per lui,“Bari è tutto per me, c’è tanta pressione,c’è tutto” e che la squadra del suo cuore,ma molto probabilmente,non ci tornerà più a giocare e a vivere,perchè non ama la pressione che potrebbe subire,sia lui che la sua famiglia e che vorrebbe vivere in tranquillità,preferendo addirittura di rimanere fermo fino a Giugno o smettere di giocare a calcio.per me è fondamentale la tranquillità, per me e della mia famiglia,Bari è nel mio cuore pero’ la vedo dure andare a giocare li giu
Paolo Bargiggia ha fatto sapere che domenica Paparesta aveva incontrato Cassano a Parma,era tutto fatto, 1 milione di euro di ingaggio, piu 1 milione per l’eventuale promozione in serie A, e opzione per due anni di contratto, ora la pista non è del tutto chiusa, anche se è spuntato il Verona sul calciatore.

OFFERTA CHOK PER CASSANO

 1 milione fino a giugno, un altro in caso di promozione in Serie A più un contratto fino al 2017 a 1,5 mln a stagione. Contratto estremamente allettante che Cassano ha momentaneamente messo in stand-by: la decisione definitiva arriverà a fine mese, poche possibilità che il no attuale divenga un sì. fonte: Spormediaset

(ANSA) – ROMA, 13 FEB – “Bari è la mia città, è la squadra del mio cuore.Per me è tutto, sono innamorato di Bari, ma sul fatto di andare a giocare lì la vedo dura”.Così Antonio Cassano, in un’intervista a Sport Mediaset, frena sulla possibilità di tornare in biancorosso dopo aver lasciato il Parma “Per me – ha detto – è importante la tranquillità mia e della mia famiglia e in questo momento sto bene a Parma anche se non gioco. Vedremo se andare avanti o smettere di giocare, ma per ora Bari è un’opzione molto difficile”

bariblogdisport.it

Informazioni su melgigi

Professore in pensione
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...