OGGI TUTTI AL VOTO

 

Al Quirinale è ormai “caccia” al successore di Giorgio Napolitano nel ruolo di Presidente della Repubblica Italiana. Una partita aperta che attualmente si profila intorno ad un paio di nomi: Franco Marini e Stefano Rodotà. Sul tema della successione e sulla corsa al Quirinale, lo stesso Marini ha affermato apertamente: “E’ una battaglia dura. Spero si possa far bene. L’augurio è che il mio partito possa ritrovare una forte unità oggi. Scissione? Ma quale scissione!”. Il nome di Franco Marini è stato intanto pronunciato dai vertici delle maggiori coalizioni politiche attualmente presenti al parlamento: il Partito Democratico di Pier Luigi Bersani e il Partito delle Libertà di Silvio Berlusconi.
Ma dall’altra parte, sull’altra riva del fiume, la battaglia si fa ancor più accesa con la candidatura di Stefano Rodotà per il Quirinale. Ieri sera, infatti, i 45 elettori di Sinistra Ecologia e Libertà hanno abbandonato l’assemblea non appena Pier Luigi Bersani ha pronunciato in nome di Marini, dimostrando in pieno il proprio dissenso politico sul successore di Napolitano. E già nella mattinata di oggi, chi ha manifestato il dissenso voterà Stefano Rodotà, già candidato espresso dal Movimento 5 Stelle di Beppe Grillo. Lo stesso Gennaro Migliore ha annunciato: “Oggi i grandi elettori di Sinistra Ecologia e Libertà voteranno Stefano Rodotà. Non si mette in dubbio la coalizione. Possono convergere tutti sulla candidatura di Rodotà. Questa la candidatura che riesce a dare il segno di cambiamento al Paese”. Ciò che dunque nuovamente importa, così come lo fu per le precedenti elezioni da poco avvenute, è dare un segno profondo di cambiamento a questa Italia in stagnazione. Offrirle l’occasione reale per rigettarsi sul mercato internazionale con carte vincenti. È come se ogni Italiano oggigiorno manifestasse il proprio interesse in un grande cambiamento per il suo Paese.

Giorgio NAPOLITANO Rieletto Presidente della Repubblica Italiana

BUON LAVORO SIGNOR PRESIDENTE . . .

Informazioni su melgigi

Professore in pensione
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...